Canali tematici>IMU

IMU 2020 - Aliquote e versamenti

A decorrere dall’anno 2020 l’imposta municipale propria (IMU) è disciplinata dalle disposizioni di cui ai commi da 739 a 783 della Legge 27 dicembre 2019 n. 160

L’IMU è dovuta da chiunque sia titolare a titolo di diritto reale (proprietà, usufrutto, uso, abitazione, superficie ed enfiteusi) di un immobile ( fabbricati, aree fabbricabili). Il pagamento deve essere fatto dal soggetto passivo in proporzione alla quota e al periodo di possesso per l’anno stesso.

VERSAMENTI

Il versamento dell’imposta complessivamente dovuta deve  essere effettuato in due rate.

In sede di  prima applicazione dell'imposta, la prima rata da corrispondere è pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU per l'anno 2019. Resta in ogni caso nella facoltà del contribuente versare l’acconto sulla base dei mesi di possesso e della destinazione d'uso degli immobili nel primo semestre del 2020, applicando le aliquote IMU vigenti per l’anno 2019. Per chiarimenti vedasi la Circolare 1 D/F (pdf allegato)

Il versamento della rata a saldo dell'imposta  dovuta  per  l'intero anno è eseguito, a conguaglio, sulla base delle aliquote  risultanti dal prospetto delle aliquote di cui al comma 757 pubblicato ai  sensi del comma 767 nel sito internet del Dipartimento  delle  finanze  del Ministero dell'economia e delle finanze, alla data del 28 ottobre  di ciascun anno.

SCADENZE
PRIMA RATA: entro il 16 GIUGNO 2020
SECONDA RATA: entro il 16 DICEMBRE 2020
Resta in ogni caso nella facoltà del contribuente provvedere al versamento dell'imposta complessivamente dovuta in un'unica soluzione annuale, da corrispondere entro il 16 giugno.

 

ALIQUOTE 2019

Per  l’anno 2019 sono confermate le aliquote e detrazioni approvate con delibera di Consiglio Comunale n. 17 del 09/04/2015 :

1) aliquota ridotta per l'abitazione principale classificata nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, pari allo 4,00 per mille;

2) aliquota pari allo 9,6 per mille per i fabbricati di categoria C/1, C/3  e D;

3) aliquota pari al 7,6 per mille per l’unità concessa in locazione, posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto e già adibita ad abitazione principale da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente;

4) aliquota pari al 7,6 per mille per l’unità posseduta  a titolo di proprietà o usufrutto da cittadini italiani residenti all’estero ( AIRE ) a condizione che l’abitazione non risulti locata o concessa in comodato;

5) aliquota pari al 10,50 per mille per le aree fabbricabili ed i fabbricati diversi da quelli di cui ai precedenti punti;

DETRAZIONI
Dall'imposta dovuta per l'abitazione principale (A/1,A/8,A/9) del soggetto passivo e per le relative pertinenze, si detraggono euro 200 rapportati al periodo dell'anno durante il quale si protrae tale destinazione;

ALIQUOTE 2020

Le aliquote IMU 2020 sono state approvate con delibera di consiglio comunale n. 16 del 26/06/2020, nelle seguenti misure:

1) aliquota pari al 0,4 % aliquota ridotta per l'abitazione principale classificata nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9 e detrazione di euro 200,00;
2)aliquota pari allo 0,96% per i fabbricati di categoria C/1, C/3 e D;
3)aliquota pari al 0,76% per una ed una sola unità posseduta a titolo di proprietà o usufrutto da cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE), a condizione che l’abitazione non risulti locata, concessa in comodato o comunque utilizzata da altri;
4)aliquota pari al 1,05%, per le aree fabbricabili ed i fabbricati diversi da quelli di cui ai precedenti punti;
5)aliquota pari allo 0,00 per cento per i fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all'articolo 9, comma 3-bis, del decreto legge n. 557 del 1993;
6) aliquota pari allo 0,00 per cento per i fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati;

NOVITA' DECRETO RILANCIO
(Decreto Legge 19 maggio 2020, n. 34 - articolo 177 “Esenzioni dall'imposta municipale propria-IMU per il settore turistico”)
per l'anno 2020, non è dovuta la prima rata IMU per gli:

  • immobili adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali, nonché immobili degli stabilimenti termali
  • immobili rientranti nella categoria catastale D/2 e immobili degli agriturismo, dei villaggi turistici, degli ostelli della gioventù, dei rifugi di montagna, delle colonie marine e montane, degli affittacamere per brevi soggiorni, delle case e appartamenti per vacanze, dei bed & breakfast, dei residence e dei campeggi, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

MODALITA’ DI VERSAMENTO
Il versamento dell’imposta dovuta al Comune e della quota riservata allo Stato  deve avvenire, obbligatoriamente, avvalendosi del modello F24. Il versamento dell’imposta può avvenire presso gli istituti bancari e presso gli uffici postali siti nel territorio dello Stato. Il versamento dell’imposta con il modello F24 non prevede applicazione di commissioni. L’IMU potrà essere versata anche con apposito bollettino postale reperibile presso gli uffici postali.

Dal 2013 allo Stato va versata solamente l’IMU relativa ai fabbricati del gruppo catastale D, calcolata con l’aliquota standard  del 7,6 per mille, utilizzando il nuovo codice tributo 3925. La quota di competenza comunale pari al 2,00 per mille (9,6-7,6) deve essere versata utilizzando il nuovo codice tributo 3930.

Gli altri codici tributo da utilizzare nel modello F24 nella sezione IMU ed altri tributi locali  sono:
            Codice 3912 - abitazione principale e relative pertinenze – COMUNE;
            Codice 3916 - aree fabbricabili - COMUNE;
            Codice 3918 - altri fabbricati – COMUNE;
            Codice 3930 – fabbricati D – COMUNE;
            Codice 3925 – fabbricati D - STATO

Si ricorda  che il codice ente/codice comune  da indicare nell’apposito campo è, per il Comune di Pavullo nel Frignano G393. Il medesimo codice dovrà essere indicato anche con riferimento alla quota d’imposta dovuta allo Stato, ciò al fine di localizzare gli immobili cui si riferisce il versamento di competenza erariale.

DICHIARAZIONE IMU
ANNO 2019: da presentare entro 31/12/2020
ANNO 2020: da presentare entro 30/06/2021

La dichiarazione IMU non deve essere presentata quando gli elementi rilevanti ai fini dell’imposta municipale propria dipendono da atti per i quali sono applicabili le procedure telematiche previste dall’art. 3-bis del D. Lgs. 18 dicembre 1997, n. 463, relativo alla disciplina del modello unico informatico (MUI). Il MUI è il modello che i notai utilizzano per effettuare, con procedure telematiche, la registrazione, la trascrizione, l’iscrizione e l’annotazione nei registri immobiliari, nonché la voltura catastale di atti relativi a diritti sugli immobili.

Occorre invece presentare la dichiarazione IMU quando le informazioni necessarie per la gestione dell’imposta non siano ricavabili dal MUI o quando gli immobili sono stati oggetto di atti per i quali il MUI non è stato utilizzato. Inoltre, è necessario presentare la dichiarazione nei casi in cui le informazioni pur possedute dal Comune o da altri enti non sono trattabili in forma massiva.

La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi, sempre che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell'imposta dovuta.

 

ARROTONDAMENTO – L’importo da versare per ogni singolo rigo del modello F24 deve essere arrotondato all’euro con il seguente criterio: fino a 49 centesimi si arrotonda per difetto, oltre 49 centesimi si arrotonda per eccesso (es. totale da versare nel rigo F24: 140,49 euro diventa 140,00 euro; totale da versare nel rigo F24: 140,50 euro diventa 141,00 euro) 

> deliberazioni e regolamenti

> modulistica associata (dichiarazione, Inagibilità/Inabitabilità, rimborso, modello F24, accertamento con adesione, ravvedimento operoso)

> Immobili concessi in comodato

> Agevolazioni per le locazioni a canone concordato

Proprietà dell'articolo
creato:giovedì 29 maggio 2014
modificato:sabato 11 luglio 2020