Niviano

Il borgo di Niviano è disposto intorno all’antica torre costruita con funzione di vedetta su un colle al centro della valle del torrente Lerna. Secondo la tradizione era circondato da una cinta muraria, dentro cui si entrava solo attraverso due porte ben guardate.

All’interno si trovavano la chiesa e la canonica. L’antico e misterioso nome Gallinamorta, che tuttora viene diffusamente utilizzato, fu burocraticamente cancellato nel 1710, quando il feudatario Cristoforo Tardini, stanco di essere preso in giro come conte di Volpara e di una gallinamorta, ottenne il permesso dal Duca di mutarne il nome in Niviano.

All’ingresso del paese, in occasione della peste del 1630, fu costruito l’oratorio di San Rocco, ora diroccato. La tela che ne ornava l’altare maggiore si trova nella moderna chiesa parrocchiale, costruita in stile neoclassico alla metà del XIX secolo su progetto dell’ingegner Antonio Vandelli a monte del paese insieme all’imponente campanile.

 

Nei pressi di Niviano sorge la località di Lavacchio. Fortificato a più riprese diventa nel 1242 uno dei maggiori punti difensivi della zona. Lavacchio trova il suo simbolo nella Torre attualmente ripristinata, ed a tutti i lavori di restauro che hanno permesso di consolidare una struttura di altissimo pregio trascurata e abbandonata per moltissimi anni.
Caratteristica è la chiesetta di Lavacchio, consacrata nel 1522 e dedicata a Sant’Anna, con il campanile posto nel mezzo della facciata.

Il borgo è caratteristico per i moderni murales dipinti sulle pareti delle case, nei pressi sorgono i borghi di Gallinamorta, con il suo oratorio, Beneverchio e Mulino Cornola.

 

 

English version

The village of Niviano is arranged around an old tower built as a lookout post on a hill in the centre of the Lerna valley. According to tradition, it was surrounded by walls, inside which it was only possible to enter through two well guarded doors.

Inside were the church and the parsonage. St. Rochus’ oratory was built during the 1630 plague at the entrance to the town but is now in ruins.

vai alla mappa

Immagini

Proprietà dell'articolo
creato:lunedì 19 maggio 2008
modificato:venerdì 6 marzo 2009