Cinema Teatro Walter Mac Mazzieri

Stagione teatrale 2016-2017

Giovedì 20 Aprile / THE WHITE ACTS (Gli atti bianchi di Mats Ek)
estratti da ‘Giselle’ e ‘Lago dei cigni’

Martedì 15 Novembre / Prosa

MACBETH

di William Shakespeare

regia Franco Branciaroli

con Franco Branciaroli e Valentina Violo

e con Tommaso Cardarelli, Daniele Madde, Stefano Moretti, Livio Remuzzi, Giovanni Battista Storti, Alfonso Veneroso

Produzione CTB Centro Teatrale Bresciano – Teatro de Gli Incamminati

Il “Macbeth” parla di un mondo esterno in guerra, dove caratteristiche come efferatezza e sete di sangue, al pari del coraggio, sono ritenute virtù, in quanto preservano il mondo “interno” della corte, una società patriarcale civilizzata regolata da leggi divine. La violenza che si applica all’esterno non vale per l’interno, altrimenti tutto salta e tra il dentro e il fuori non c’è più differenza, tutto diventa guerra. Macbeth sceglie di portare la violenza all’interno. Se in più anche la parte femminile si snatura e prende caratteristiche maschili, allora il caos è totale. Macbeth viene infatti “sedotto” all’ambizione dalle streghe, che storicamente rappresentano la minaccia al mondo patriarcale, e indotto all’assassinio da sua moglie, che viola il suo ruolo sociale di donna agendo come agirebbe un uomo. Ma il dramma è ancora più complesso e tremendo: Macbeth, uccidendo il re, il “padre”, il divino, uccide la sua stessa umanità ed entra in una dimensione di solitudine dove perde tutto, amore, ragione, sonno, scopo di vivere. In più, la sua vittoria è sterile perché non ha eredi, e questa sua rinuncia alla sua umanità servirà solo a passare il trono al figlio di un altro. Il “Macbeth” è la tragedia del male dell’uomo, della violazione delle leggi morali e naturali e dell’ambiguità, del caos, della distruzione che ne consegue. (Franco Branciaroli)

 

Giovedì 29 Dicembre / Comico musicale

OBLIVION: THE HUMAN JUKEBOX

con Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda, Fabio Vagnarelli

consulenza registica di Giorgio Gallione

Produzione World Entertainment Company - BaGS Live

Cinque contro tutti. Un articolato mangianastri umano che mastica tutta la musica e la digerisce in diretta in modi mai sentiti prima. Questo è Oblivion: The Human Jukebox. Alla perversa creatività dei cinque cialtroni più irriverenti del teatro e della Rete si aggiunge, questa volta, quella del loro pubblico che contribuirà a creare il menù della serata suggerendo gli ingredienti della pozione. Gli Oblivion hanno in repertorio tutti i grandi della musica italiana e internazionale e sono pronti ad affrontare sfide sempre più difficili a colpi di cazzotti, mash-up, parodie, duetti impossibili e canzoni strampalate. Un flusso di note e ritmi infinito che prenderà vita davanti agli occhi attoniti degli spettatori, ogni sera, per una esperienza folle e mai ripetibile. Nessuno spettacolo sarà uguale al precedente. Dai Ricchi e Poveri ai Rapper, da Ligabue ai Cori Gospel, da Morandi ai Queen, tutte le canzoni senza farne nessuna. Uno schiacciasassi che trangugia e livella Sanremo, X Factor, Al Bano e Il Volo. La playlist che non hai mai avuto il coraggio di fare, uno Spotify vivente che provoca scene di panico, isteria collettiva, ma soprattutto interminabili richieste di bis! Borciani, Calabrese, Folloni, Scuda e Vagnarelli si incontrano nel 2003 a Bologna dove iniziano a frequentare (ma solo virtualmente) una serie di maestri eccellenti come il Quartetto Cetra, Giorgio Gaber, i Monty Python fino a creare un loro stile originale che mescola modernità e tradizione, vintage e attualità

 

Giovedì 12 Gennaio / Prosa

UN BES – ANTONIO LIGABUE

di e con Mario Perrotta

Produzione Teatro dell’Argine

"Un bès... Dam un bès, uno solo! Che un giorno diventerà tutto splendido. Per me e per voi." Provo a chiudere gli occhi e immagino: io, così come sono, con i miei 40 passati, con la mia vita - quella che so di avere vissuto - ma senza un bacio. Neanche uno. Mai. Senza che le mie labbra ne abbiano incontrate altre, anche solo sfiorate. Senza tutto il resto che è comunione di carne e di spirito, senza neanche una carezza. Mai. E allora mi vedo - io, così come sono - scendere per strada a elemosinarlo quel bacio, da chiunque, purché accada. Ecco, questo m'interessa oggi di Antonio Ligabue: la sua solitudine, il suo stare al margine, anzi, oltre il margine - oltre il confine - là dove un bacio è un sogno, un implorare senza risposte che dura da tutta una vita. Voglio avere a che fare con l'uomo Antonio Ligabue, con il Toni, lo scemo del paese. Mi attrae e mi spiazza la coscienza che aveva di essere un rifiuto dell'umanità e, al contempo, un artista, perché questo doppio sentire gli lacerava l'anima: l'artista sapeva di meritarlo un bacio, ma il pazzo, intanto, lo elemosinava. Voglio stare anch'io sul confine e guardare gli altri. E, sempre sul confine, chiedermi qual è dentro e qual è fuori.  (Mario Perrotta)

 

Martedì 7 Febbraio / Prosa

LA PAZZA DELLA PORTA ACCANTO

di Claudio Fava

con Anna Foglietta, Angelo Tosto, Alessandra Costanzo, Sabrina Knaflitz, Liborio Natali, Olga Rossi, Cecilia Di Giuli, Stefania Ugomari Di Blas, Giorgia Boscarino, Gaia Lo Vecchio

regia Alessandro Gassmann

Produzione Teatro Stabile di Catania – Teatro Stabile dell’Umbria

Questa pièce non è il girone dei matti: è l'incontro imprevisto, irriproducibile, tra la follia e la poesia. Alda Merini entrò per la prima volta in manicomio nel 1965, a trentaquattro anni. Lasciandosi alle spalle due figli, un marito e alcune raccolte di poesie che l'avevano già indicata come una delle voci più creative di quegli anni. In manicomio Alda resterà, a periodi alterni, per quasi vent’anni. Di quel tempo interminabile restano migliaia di versi, brevissimi, lucidi, sprezzanti, innamorati. Resta la memoria livida di cosa fosse il destino dei matti nell'Italia dei manicomi: la chimica usata in dosi massicce per ottundere le menti, le iniezioni di leptozina e di doprel fino a farti perdere definitivamente il senno, il rito settimanale dell'elettroshock, l'umanità pietosa di qualche medico, il cinismo inossidabile di tutti gli altri. Ma Alda non si rassegna. Sulle cose che accadono e che le accadono trattiene uno sguardo avido, curioso, impietoso. La sua forza è la poesia: o meglio, la congiunzione tra follia e poesia che in lei si fa carne, vita, parola, fuga. E che le procura, come un'ombra di adolescenza che ritorna, perfino il silenzioso innamoramento per un matto come lei, Pierre, un uomo semplice, ignaro, puro. Finché un giorno aprono i cancelli del manicomio…

(Claudio Fava)

 

Martedì 28 Febbraio / Circo teatro

BIANCO SU BIANCO

scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca

con Helena Bittencourt, Goos Meeuwsen

Produzione Compagnia Finzi Pasca

con il sostegno di: Caffè Chicco d’Oro, Cornercard, Grand Hotel Villa Castagnola

Uno spettacolo poetico sulla fragilità degli eroi perdenti che mescola tragedia e commedia, scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca anche autore e regista per le Cirque du Soleil. “Dei pezzi di porcellana sul pavimento, i letti degli ospedali, le piastrelle del bagno in casa della nonna, il tavolo di marmo nella macelleria, il fazzoletto che agitava papà quando partivamo, il tuo sorriso, il giardino sommerso dopo una tempesta di neve, certi silenzi, il gesso e le bende attorno alla mia gamba rotta, nuvole, il nome della maestra scritto sulla lavagna, il vestito di mia cugina che si sposa, un bicchiere di latte, le pagine del quaderno del primo giorno di scuola, il camice dell’infermiera, un fiore, una conchiglia, un cavallo, la schiuma che riempie la vasca da bagno, le pillole per dormire, la cipria che copre il viso di noi clown, le storie che fanno passare la paura del buio. Negli ultimi anni è come se i nostri spettacoli si fossero alimentati con il linguaggio dei sogni. Questa volta invece non chiuderemo gli occhi per trasportarci in possibili viaggi interiori, questa volta resteremo senza dormire per un’intera notte, una notte a occhi aperti. Non saranno sogni, ma piccole allucinazioni, modi per far emergere il Rosso e il Nero che si nascondono dietro il Bianco dell’immaginario di noi clowns”. (Daniele Finzi Pasca)

 

Martedì 7 Marzo / Concerto

AMORE CHE VIENI AMORE CHE VAI

Fabrizio De Andrè, le donne e altre storie

Cristina Donà voce, Rita Marcotulli pianoforte, Enzo Pietropaoli basso, Fabrizio Bosso tromba, Javier Girotto sax, Saverio Lanza chitarre, Cristiano Calcagnile batteria e percussioni

Un omaggio ad uno dei più grandi musicisti italiani, che con le sue canzoni e la sua musica ha caratterizzato un’epoca e anche dopo la sua scomparsa è rimasto nel cuore di tutti. Sette musicisti di sicuro talento e diverse esperienze hanno scelto di partecipare ad un progetto-omaggio a Faber non esclusivamente dedicato alle donne ma dando ed esse lo spazio che a loro dava Fabrizio De André. “In un angolo della memoria – sottolineano tutti insieme - molti di noi hanno protetto alcune canzoni: vuoi per ricordare l'accendersi veloce di una passione d'amore che si pensava eterna o al contrario: la sua incertezza e mutevolezza. Per ricordare personaggi tanto simbolici quanto teneri o paradossali, romantici o beffardi. Molte di queste canzoni e di questi personaggi appartengono alla poetica di Fabrizio De André. Una poetica colta, curiosa della vita, attenta al mondo e alle sue ingiustizie. E in questa poetica una parte grande è dedicata alle donne. Tutte. A quelle che volano, che piangono; che amano riamate o che vengono lasciate e diventano storie struggenti; quelle che creano il mondo, lo amano ma vorrebbero cambiarlo per essere felici”.

 

Martedì 21 Marzo / Prosa

ASSASSINA

di Franco Scaldati

con Enzo Vetrano, Stefano Randisi, i Fratelli Mancuso

regia Enzo Vetrano e Stefano Randisi

Produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione

Una vecchina e un omino vivono nella stessa casa dove si preparano da mangiare, si lavano, parlano e giocano coi loro animali: la gallina Santina e il topo Beniamino. Alla parete ci sono appesi i ritratti dei genitori, che di tanto in tanto fanno sentire la loro voce con lirici assoli o divertiti commenti. Ma la vecchina e l’omino non si conoscono, non si sono mai incontrati, anzi ignorano l’uno l’esistenza dell’altro. E quando improvvisamente, una notte, si scoprono a dormire nello stesso letto, che ognuno ovviamente giura essere il suo, comincia un’infinita sequenza di battibecchi, interrogatori, accuse e smentite, scambi di identità... “(...) nel teatro di Scaldati siamo su un piano irreale o surreale, siamo con personaggi e in un mondo ritagliati nella materia del fantastico o del sogno. Sogno come fuga da una realtà (storica ed esistenziale), da un mondo inaccettabile e insopportabile (...)” (Vincenzo Consolo, dall’introduzione a “Il teatro del sarto” – Ubulibri)

 

Giovedì 20 Aprile / Danza

THE WHITE ACTS

(Gli atti bianchi di Mats Ek)

estratti da ‘Giselle’ e ‘Lago dei cigni’

coreografie di Mats Ek

musiche Adolf Adam, Pyotr Thiakovsky

cura e messa in scena Pompea Santoro

Produzione Eko Dance International Project

Una singolare rivisitazione da parte di uno dei coreografi contemporanei più acclamati dei secondi atti di due dei più famosi classici della Storia della Danza. Nella ‘Giselle’ di Mats Ek l'ambientazione del secondo atto diventa un manicomio, le anime delle Willi diventano donne ferite. Il coreografo ha voluto sottolineare non solo la storia di Giselle ma anche quella di donne che, come lei, sono state ferite profondamente da persone amate o da esperienze vissute; con l’arrivo dell’uomo pentito e in cerca del perdono, Giselle è messa di fronte ad una scelta e trova la forza di accettare la propria condizione attraverso la sofferenza delle altre donne. Nella seconda parte della serata viene presentato un estratto dal secondo atto del ‘Lago dei cigni’. In questa versione i cigni non sono più il simbolo della candida e timorosa bellezza femminile ma sono il simbolo dell’essere umano nella sua espressione più reale; la grazia del cigno nel lago come ideale, lascia il posto a forme sgraziate e atteggiamenti difensivi una volta fuori dall’acqua. La differenziazione di genere tra maschi e femmine viene annullata dall’uniformità della consapevolezza dell’essere tutti parte dell’essere umano.

 

 

INFORMAZIONI:

BIGLIETTI

intero                                                        € 19            

ridotto età/cinema                                      € 17 

abbonati cinema                                         € 15

card Io Studio                                             € 11

carta Doc                                                   € 9,50 (per gli spettacoli: Macbeth, Un bes, La pazza della porta accanto, Assassina)

Formula 6+

Sconto di € 2 a biglietto per l’acquisto di un minimo di 6 biglietti per una o più rappresentazioni con assegnazione del posto al momento dell’acquisto.

Vendita biglietti - Orari biglietteria

Dal 5 novembre per tutti gli spettacoli della Stagione nei seguenti orari: il giorno precedente e il giorno stesso dello spettacolo dalle 17 alle 19 e nelle serate di programmazione di cinema.

Prenotazioni via e-mail e telefoniche

Le prenotazioni si possono effettuare scrivendo una e-mail all’indirizzo infomacmazzieri@ater.emr.it, oppure telefonando al numero 0536/304034.

I biglietti prenotati devono essere ritirati tassativamente entro il giorno precedente allo spettacolo, pena annullamento della prenotazione.

Vendita biglietti online: sul circuito Vivaticket – www.vivaticket.it

I PUNTI VENDITA DEL CIRCUITO VIVATICKET PIU’ VICINI:

- Videoteca Cinecittà, Pavullo n/F (MO);

- Libreria La Quercia dell’Elfo, Vignola (MO);

- Eurozone, Modena;

- Ipermercato La Rotonda, Modena.

Abbonamenti

Prosa 8 (8 spettacoli)

intero                                                 € 115                             

ridotto (vedi paragrafo Riduzioni)        € 105

card Io Studio                                      € 65                                           

Carnet 4 (4 spettacoli) Abbonamento libero a 4 titoli

Intero                                                 € 65

Studenti (fino a 29 anni)                     € 60

Vendita abbonamenti

Prelazione

Dal 17 al 22 ottobre vendita riservata agli abbonati della Stagione 2014/2015 che potranno confermare il posto occupato nella scorsa Stagione.

Cambio posto

Il 24 ottobre la vendita è riservata agli abbonati della Stagione 2014/2015 che desiderano cambiare posto. Cambiando posto non si conserva alcun diritto su quello occupato nella stagione precedente.

Nuovi abbonamenti Prosa 8

In vendita dal 25 al 29 ottobre

Abbonamento carnet 4 spettacoli

Dal 31 ottobre al 4 novembre.

Hai dimenticato l’abbonamento?

Potrai assistere allo spettacolo presentando in biglietteria un documento di identità e acquistando il biglietto a € 1.

Campagna abbonamenti – Orari biglietteria

Durante la campagna abbonamenti la biglietteria sarà aperta dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19 e il sabato dalle 10 alle 12.30.

RIDUZIONI TEATRO

Per le Riduzioni Cinema consultare i cartelli esposti in biglietteria.

Ridotto Età: fino ai 29 anni e oltre i 60 anni di età.

- Gli abbonati alla Stagione teatrale del Cinema Teatro Mac Mazzieri hanno diritto al biglietto ridotto  € 5 per le proiezioni cinematografiche di prima visione.

- Presentando alla biglietteria del cinema un biglietto per uno spettacolo della Stagione teatrale si avrà diritto alla tariffa ridotta di € 6 per assistere alle proiezioni cinematografiche.

Gruppi di almeno 8 persone: abbonamento ridotto.

Abbonati teatri gestiti da ATER: sconto del 30% sul biglietto intero.

Inizio spettacoli ore 21. A spettacolo iniziato non sarà consentito l’accesso alla sala.

La Direzione si riserva di apportare al programma modifiche che si rendessero necessarie per cause di forza maggiore.

 

Per informazioni e prenotazioni:

Cinema Teatro Walter Mac Mazzieri

Via Giardini – 41026 Pavullo nel Frignano (MO)

tel. 0536/304034

Fb: Cinema Teatro W. Mac Mazzieri

info@cinemateatromacmazzieri.it

www.cinemateatromacmazzieri.it

Proprietà dell'articolo
creato:giovedì 13 ottobre 2016
modificato:mercoledì 22 marzo 2017