Nuovi spazi per bambini e ragazzi: TeenLab, DigitalLab, Creativelab e FuoriClasse

Nei locali di Via Ricchi 2, rinnovati e connessi, al via tante attività di sostegno scolastico e progetti ricreativi.

Dallo scorso anno il comune di Pavullo in sinergia con L’Unione del Frignano ha cercato di realizzare, seppur con limitazioni derivanti dal Covid19, un centro estivo diverso, più legato alla conoscenza del territorio chiamato TeenLab, sottolineando anche l’aspetto laboratoriale del fare (ceramica e altre attività).

Aveva un format nuovo 3 ore giornaliere, allargato ai bambini dai 9 ai 13 anni in gruppi suddivisi tra frequentanti primarie e medie con un discreto successo.

L’ex-Teen Space centro di aggregazione giovanile da quest’anno è stato assegnato totalmente al comune di Pavullo. Si mantengono comunque collegamenti con il servizio delle politiche giovanili dell’Unione per alcuni progetti.

La sede si trova sempre nello stesso edificio in via Ricchi 2,ma in un’ altra parte più estesa e rinnovata, dotata di computer, collegamenti ad internet, stampanti per una prospettiva nuova.

Lo spazio verrà adibito a doposcuola chiamato Fuoriclasse riservato ai ragazzi delle primarie e delle medie, non si faranno solo i compiti, ma si cercherà di rafforzare il metodo di studio anche con metodologie nuove, date dalle possibilità tecnologiche che ora i ragazzi hanno a disposizione. I bambini e i ragazzi saranno indirizzati direttamente dalle scuole, poichè è prevista una stretta collaborazione tra insegnanti delle scuole ed educatori del centro.

In questi giorni i nuovi servizi sono stati appaltati con un nuovo bando vinto da “Giocando con Monilla” che manterrà il proprio centro privato al centro commerciale “Campanella”, mentre “Fuoriclasse” sarà servizio comunale gratuito e coordinato dalla pedagogista comunale e dall’ufficio scuola del Comune. Verrà aperto già nel mese di maggio con inviti diretti dai maestri delle primarie o dai professori delle medie.

Nel pomeriggio a seguire, si sta predisponendo le aperture nello stesso spazio del laboratorio informatico chiamato “DigitalLab” dedicato anche ai ragazzi più grandi che potranno realizzare progetti: si faranno giochi interattivi semplici e complessi, video montaggi attingendo a diverse fonti, piccoli robot, giocando si impara ad usare meglio il pc, per le necessità di vario genere avendo un luogo per ritrovarsi,progettare, discutere, confrontarsi e socializzare. Si prevedono attività in collegamento con i tecnici informatici delle scuole e si auspica che diano il loro prezioso contributo. Saranno anche programmati corsi sul utilizzo del web e degli strumenti informatici indirizzati a varie fasce di popolazione..

Alternativamente all’apertura di questo spazio si organizzerà il CreativeLab laboratori teatrali, ceramica e altro ancora .

Il centro estivo teenLab, come lo scorso anno verrà proposto da luglio al 14 agosto.

Già dallo scorso anno il servizio scuola ha chiesto la collaborazione delle varie associazioni locali, alcune hanno dato la loro importante ed insostituibile disponibilità. Quest’anno auspichiamo di poter ampliare la collaborazione, pur tenendo conto del periodo emergenziale che comporta limitazioni importanti e dispendiose per distanziamenti, sanificazioni, gruppi piccoli di ragazzi non interagenti tra loro, capienza ridotta nei trasporti di scuolabus. Si stanno prendendo accordi per realizzare come nuova proposta esperienze notturne a Sassoguidano con la partecipazione degli esperti della Riserva.

Spero che le prossime amministrazioni, di qualunque colore siano, possano ampliare le linee programmatiche di fondo. Mi spiego: la conoscenza che la scuola dà del territorio è pur sempre limitativa sia per orari, sia per obiettivi orientati in specifiche discipline e per i tempi scuola. L’esperienza estiva diventa più coinvolgente, più estesa, più dinamica, per non accennare gli aspetti positivi psicologici che questa comporta, molto importanti dopo il lockdown. I ragazzi conoscono poco il loro territorio: il cosa si fa ora? e il cosa è stato fatto in passato? dove? nei capoluoghi? nelle frazioni?nell’altro comune del Frignano? quali i tesori nascosti? quali tradizioni del luogo? quali associazioni ci sono e perchè si sono formate? quali gruppi di volontariato ci sono e cosa fanno? Penso che in futuro questo servizio possa essere connesso all’offerta turistica legata alla maggior permanenza delle famiglie e dei loro figli nel territorio del Frignano.

L’assessore Ornella Ongari

Pubblicato: 13 Maggio 2021